Buone Pratiche

Nel corso degli ultimi anni le moderne organizzazioni sanitarie hanno mostrato una rinnovata attenzione alle modalità di assistenza ai pazienti, non solo sotto l’aspetto dell’efficacia clinico-assistenziale, ma anche della qualità del rapporto con gli stessi e più in generale dell’efficienza e della sicurezza dell’attività sanitaria, introducendo il concetto di governo clinico.

La strategia di governo clinico proposta dall’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Policlinico-Vittorio Emanuele”, si caratterizza per la forte integrazione fra i programmi sviluppati nell’ambito del Sistema di gestione della qualità Aziendale e i programmi di Accreditamento Regionale.

Il percorso avviato, nell’ottica di sistematizzazione propria del governo clinico, si è sviluppato puntando essenzialmente a garantire percorsi di cura efficaci ed efficienti, la sicurezza del paziente ed una formazione orientata all’utilizzo di strumenti in grado di garantire qualità clinica ed organizzativa. In particolare sono stati avviati programmi per:

  • L’adozione di procedure per la sicurezza del paziente da sottoporre ad intervento chirurgico, avendo individuato, anche in ragione di un analisi effettuata presso le strutture aziendali e alla luce di esperienze nazionali ed internazionali, tale processo come uno dei più critici nell’erogazione delle prestazioni sanitarie;
  • L’elaborazione di percorsi diagnostico terapeutici individuati sulla base dell’analisi delle criticità condotta con criteri basati sulla rilevanza epidemiologica, livello di rischio, alta variabilità nella gestione clinica e multi-disciplinarietà;
  • La gestione della documentazione sanitaria quale atto non meramente burocratico ma di garanzia del paziente e degli operatori, al fine di ridurre la variabilità soggettiva spesso origine di quei problemi di comunicazione che costituiscono causa di errore nella pratica clinica.

Pertanto lo sviluppo di questi progetti nel più generale contesto del programma di governo clinico ha consentito all’Azienda oltre che di documentare la qualità delle prestazioni e dei servizi erogati anche di valutare l’impatto clinico, organizzativo, economico degli interventi svolti e di formulare programmi clinico-organizzativi sempre più orientati alla patient safety, all’appropriatezza delle cure e al soddisfacimento dei bisogni dell’utenza.

1. il sistema documentale aziendale 2. incident reporting 3. identificazione del paziente
4. cartella clinica_infermieristica 5. consenso informato 6. la gestione dei farmaci
7. prevenzione caduta del paziente 8. identificazione del lato del sito chirurgico 9. il corretto posizionamento sul letto operatorio